Carrello  

Nessun prodotto

Spedizione 0,00 €
Totale 0,00 €

Carrello Check out

Newsletter

Simca Il y a 3 produits.

Simca
Enrico Theodore Pigozzi "Henri" nato nel 1898 è per la maggior parte di noi conosciuto come l'uomo dietro al SIMCA. Tuttavia prima di creare il marchio che lo ha reso famoso, ha dovuto lavorare sodo. Non ha avuto il tempo di vivere un'infanzia facile come suo padre è morto quando Enrico aveva solo 14 anni. Dovendo prendersi cura di sua madre e sua sorella, è stato immediatamente iscritto nella piccola azienda di trasporti di famiglia.
Dopo la prima guerra mondiale, la vendita del surplus militare fu la sua prima attività in proprio, seguita rapidamente dall'importazione di carbone e rottame métal dalla Francia per le fornaci italiane. Uno dei suoi clienti importanti essendo FIAT, incontrò Gianni Agnelli che pensava che l'ingegnosa e inventiva Pozzi sarebbe stata l'uomo giusto per distribuire la FIAT in Francia. Pozzi sollevò la sfida e si stabilì a Suresnes e si occupò della FIAT fino al 1934.

Nel 1934 fondò la SIMCA (Société Industrielle de Mécanique et de Carrosserie Automobile) e si prese cura di lui fino al 1963. Come molti dei suoi colleghi, non poteva gestire il fatto che una terza parte aveva assunto la direzione (Chrysler nel 1963) e morì per un ictus nel novembre del 1964.
Dopo la seconda guerra mondiale Simca è un marchio che piace molto, l'Aronde porta soldi, c'è spazio per i progetti e si è deciso all'inizio del 1960 di declinare la piccola sedan di successo “1000“in una coupé sportiva. Facel Metallon e Bertone vengono avvicinati per le proposte ed è Bertone a vincere la posta. Il carrozeria proposto è attraente, un po 'femminile, italiano fino alle dita dei piedi ma un po ‘sagio, e purtroppo il piccolo motore del 1000 non può essere un miracolo. La coupé 1000 Bertone non può competere con le piccole meraviglie sportive come Alpine A110, Lancia Fulvia, Panhard CT 24 ed è un mezzo successo con diecimila di auto vendute tra il '63 e il 67.

Tuttavia l'acquisizione di Chrysler ha anche lati positivi in quanto è Chrysler che decide di trasformare il 1000 in una vera coupé sportiva. Equipaggiato con un nuovo motore, carburatori doppi, un alto rapporto di compressione e un restyling del carrozzeria, l'auto è trasformata. Nessun taglio più carino per le donne. Anche gli interni sono stati rinnovati ed equipaggiati con i beni necessari di qualsiasi auto sportiva che si rispetti. È un successo. Lo sterzo a cremagliera e il servofreno vengono introdotti un po 'più tardi, ma i tempi stanno cambiando rapidamente in questi anni e all'inizio degli anni settanta pensiamo a qualcos'altro e il 1200S si inchinerà nel '71.